Traviata diventa “super-eroina” nei fumetti di Stefano Ascari

Traviata-fumetto-Teatro-MO-7La traviata in fumetto

di Stefano Ascari

L’opera in tre atti di Giuseppe Verdi (su libretto di Francesco Maria Piave) prende le mosse dalla pièce teatrale di Alexandre Dumas (figlio), La signora delle Camelie, a sua volta ispirata alla relazione che l’autore stesso intrattenne fino al 1845 con Marie Duplessis. Per adattare questa vicenda (attualissima, anche se non sul piano storico) si è scelto di utilizzare appieno la gamma di strumenti narrativi ed espressivi che il fumetto consente, sia per quanto concerne l’aspetto visivo (grazie alla molteplicità di stili e soluzioni predisposta da Alberto Pagliaro) che quello narrativo (attraverso la focalizzazione della vicenda sul personaggio di Violetta operata in fase di adattamento da Stefano Ascari).

Le ambientazioni mutano nel corso della vicenda, seguendo l’evoluzione dei personaggi e dei temi trattati: reali e riconoscibili nei momenti in cui sono i sentimenti e le persone ad abitarle, mutate in quinte teatrali o in contesti surreali quando è la convenzione sociale e l’apparenza a prendere il sopravvento. Il tema dell’appuntamento ineluttabile con la morte conferisce poi al personaggio della “traviata”, Violetta Valéry, una connotazione gotica che trova ampio riscontro nel trattamento cromatico (in particolare nelle scene di ambientazione cittadina) e nella visualizzazione della morte stessa, che partecipa attivamente alla scena, in particolare nel terzo atto, attraverso elementi surreali e inquietanti che circondano la donna e interagiscono con lei in una struggente e macabra “danza di morte”. La presenza tangibile della malattia e della morte stride con il rutilante e quasi ossessivo contesto di feste carnevalesche nel quale si muovono i personaggi secondari, che vengono infatti trasfigurati in immagini caricaturali a mano a mano che si palesa la loro identificazione con un mondo fatto di apparenze e di convenzioni. L’opera verdiana trova in questo adattamento una lettura per contrasti estremi: da un lato il mondo fatto di rigidi pregiudizi sociali (incapaci di contemplare la redenzione) e di vuote consuetudini (incapaci di vedere oltre l’apparenza mondana), dall’altro il sentire disperato di una donna conscia della propria storia e delle proprie aspirazioni. Nel mezzo due figure maschili (Germont padre e figlio) incapaci di colmare con il proprio coraggio e la propria sensibilità il divario tra i due mondi di cui sopra. Entrambi (il padre per eccessivo attaccamento alle regole della rispettabilità, il figlio per l’incapacità di vedere oltre le apparenze e le proprie passioni) rimarranno spettatori impotenti dell’inevitabile conclusione della vicenda terrena di Violetta Valéry, condannata all’infelicità dalle convenzioni sociali e rapita anzitempo dalla morte.

Traviata-fumetto-Teatro-MO-1 Traviata-fumetto-Teatro-MO-2

Traviata-fumetto-Teatro-MO-3 Traviata-fumetto-Teatro-MO-4

Traviata-fumetto-Teatro-MO-5 Traviata-fumetto-Teatro-MO-6

Questa voce è stata pubblicata in Libri, Opera, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Traviata diventa “super-eroina” nei fumetti di Stefano Ascari

  1. LeDueNellie ha detto:

    Caspita, deve essere bellissimo! Lo voglio assolutamente! Grazie del consiglio!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.