Norma a Genova: il bel canto di Mariella Devia e la potenza di Stefan Pop.

La regia di Giacomazzi e Di Gangi riscuote consensi di pubblico e critica per Norma.

Recensione di Salvatore Margarone

Una Norma incastonata nel tempo quella interpretata dalla grande Mariella Devia al Teatro Carlo Felice di Genova. Nessun dubbio vi era sulla riuscita della messa in scena di questa Norma belliniana tutta al siciliano per regia, scenografia, mediterraneità, colori, lacci, trame e orditi; una visione che stimola l’immaginazione e che porta lo spettatore a viaggiare con la fantasia in un mondo incantato e atemporale. Tra le opere che oggi si mettono in scena, curate da giovani registi e scenografi, è la migliore vista.

Mariella Devia porta in scena una Norma belcantistica senza tralasciare il lato drammaturgico di cui l’opera è intrisa, con voli pindarici ed eccezionale voce cristallina dall’alto della sua lunga carriera.

Mariella Devia

Molti melomani portano dentro di sé il ricordo di mitiche cantanti di altri tempi ormai, come la Callas, da cui non si vogliono discostare per stile e drammaturgia, ma la Norma di Mariella è semplicemente sublime, moderna, pensata e ragionata in ogni minima frase: non le sfugge nulla, interpreta  questo personaggio con tutta sé stessa. I fiati interminabili e i colori vocali che riesce ad emettere sono veramente sorprendenti.

Questa produzione, che ricordiamo aveva già debuttato la scorsa stagione a Palermo, continua a mietere successi, incoronando gli ideatori Ugo GiacomazziLuigi Di Gangi (Teatrialchemici) ed infondendo al palcoscenico personalità, sentimento e riferimenti ai dettagli del libretto senza tralasciare nulla al caso, semmai sprigionando nel pubblico delle emozioni uniche. Le trame e i lacci che compongono la scenografia, curata da Federica Parolini, sono un tutt’uno con i costumi imbastiti con raffinatezza, che sono pezzi unici realizzati a mano, ideati da Daniela Cernigliaro.
L’Orchestra del Teatro Carlo Felice, diretta da Andrea Battistoni, suona a tutto spiano brillando per stacco dei tempi, fraseggi, ma allo stesso tempo rigore e rispetto della partitura. Ottima la performance del primo flauto dell’orchestra ( il Loi) che ha introdotto l’aria più famosa dell’opera: “Casta diva”.

Stefano Pop

Qualche incertezza la notiamo nel Coro, diretto da Franco Sebastiani, ma di poca importanza: lievi ritardi negli attacchi e qualche insieme da migliorare, ma come un leone ruggente si impone nella parte corale più famosa: “Guerra, guerra!”; forza, determinazione e movimenti scenici hanno reso questo momento di forte impatto, da sentire e vedere tutto d’un fiato.

Anche Annalisa Stroppa, nei panni di Adalgisa, colpisce per morbidezza vocale ed accanto a Mariella Devia si fonde in un connubio di eleganza vocale. La sua Adalgisa è convincente, pur avendo notato un po’ di sforzo sul registro acuto. Sicuramente da seguire nella sua crescita artistica, sorprenderà in futuro con sicuri successi.

Da sinistra: Annalisa Stroppa e Mariella Devia

Stefan Pop è Pollione, il romano. Squillo e timbro contraddistinguono questo giovane tenore rumeno, ma non solo, dizione quanto mai curata e disinvoltura sul palcoscenico ne tracciano un sicuro Pollione, regalando al pubblico in sala una voce sicura, pronta, potente e in forma smagliante (ricordiamo che qualche giorno prima era il Duca di Mantova nel Rigoletto a Parma).

Buono l’Oroveso di Riccardo Fassi, dalla voce profonda e ricca di armonici, pur essendo di giovane età, come anche la Clotilde di Elena Traversi e il Flavio di Manuel Pierattelli.

Riccardo Fassi

Insomma un successo di stile e bel canto che Genova ricorderà a lungo, come è ancora vivo anche il successo del Roberto Devereux sempre con Devia e Pop in questo stesso teatro.

Alla fine il pubblico decreta successo pieno all’opera con più di  otto minuti di scroscianti ed entusiasti applausi, sfociato in una standing ovation a Mariella Devia, che riceve anche uno scenografico doppio baciamano con inchino da parte dei due registi.

Il secondo cast per Norma ha visto il debutto nel ruolo del titolo di Desirée RancatoreRoberto Iuliano come PollioneValentina Boi in AdalgisaMihailo Slijvic sarà Oroveso.  Invariato il resto del cast.

Prossime recite: il 30 (con diretta streaming dalle 20,00) ed il 31 Gennaio .

La recensione si riferisce alla recita del 28 gennaio 2018.

©Photo M.Orselli

GALLERIA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...