Monumentale “Rigoletto” a Verona: Terranova sbanca con gli applausi!

Recensione di Salvatore Margarone

Grandioso e spettacolare il Rigoletto di Giuseppe Verdi, terzo titolo della stagione, andato in scena all’Arena di Verona lo scorso 1 luglio. Protagonisti cantanti di grande spessore che hanno regalato, con le loro belle voci, emozioni da ricordare incorniciate in una bellissima ed imponente scenografia di Raffaele Del Savio (allestimenti scenici di Giuseppe De Filippi Venezia) e la regia di Ivo Guerra che in questo caso stranamente non ha disturbato l’intreccio dei personaggi sulla scena, ma anzi, ne è stato un perfetto complemento.

Quasi cinematografico ed incredibilmente realistico il  gigantesco Castello di Mantova, alto e svettante sul palcoscenico con le sue torri e torrette,. Interessanti anche se non eclatanti i costumi di Carla Gallieri che ha tolto il superfluo e realizzato abiti raffinati e consoni, assegnando ad ogni personaggio un colore identificativo, che sarebbe tuttavia maggiormente risaltato con un illuminazione più mirata: anche se in questo titolo la penombra la fa da padrone, in alcuni casi la mancanza fisica di luce ha decisamente smorzato e appiattito le perfomances degli artisti.

Nomi di spicco del panorama lirico mondiale sul palcoscenico areniano: Gianluca Terranova (Il Duca di Mantova) ha regalato emozioni continue ad un pubblico estasiato: voce squillante, puntata e precisa, curati i  minimi dettagli e le tante raffinatezze, come di rado si sentono, ha reso il “suo”  Duca in un’interpretazione encomiabile. Applauditissimo dal pubblico, Terranova si impone come una delle migliori voci tenorili del momento.

Non da meno la Gilda di Elena Mosuc. Tuttavia incostante in tutta la sua interpretazione, infatti abbiamo riscontrato meno freschezza del solito nella sua voce,  in alcuni momenti è sembrata stanca e sfocata sugli acuti, e molti i fiati che ha dovuto prendere durante l’esecuzione delle sue arie più famose ovvero “Caro nome” e “Tutte le feste al tempio”. Peccato. Un’interpretazione che a nostro parere, rimandava all’idea di una Gilda matura più che ad una fragile fanciulla.

Debuttante della serata era il baritono Amartuvshin Enkhbat nei panni del giullare di corte nonché protagonista assoluto dell’opera: Rigoletto. Voce possente, scura, bel legato di fiato, ha mandato in delirio il pubblico con la sua interpretazione, tanto da bissare “Cortigiani, vil razza dannata”. Era palpabile però l’emozione del debutto in quanto ci è sembrato un po’ monotono. Ma le premesse sono buone e l’esperienza limerà queste mancanze.

Rivelazione della serata è stato invece il basso Andrea Mastroni  (Sparafucile), dotato di voce potente, scura e pulita, con la quale ha giocato molto e, modulandola senza apparente sforzo,  è risultato uno Sparafucile credibilissimo, come poche volte abbiamo potuto sentire. Bravissimo!

Ottimo il resto del cast, e precisamente: la Maddalena  di Anna Malavasi, bella voce profonda e sensuale; Nicolò Ceriani, nei panni del Conte di Monterone ; il Marullo di Marco Camastra; il Conte di Ceprano di Dario Giorgelè; la Giovanna di Alice Marini. Buoni gli altri interpreti : Marina Ogii, Omar Kamata, Lara Lagni, Francesco Pittari.

In tutto questo la nota dolente che purtroppo ha annebbiato un po’ tutta l’opera é stata la direzione d’orchestra di Julian Kovatchev. Noioso nei tempi, solo qualche guizzo vivace qua e là, ha tenuto per lo più sotto tono gli orchestrali, riuscendo a mettere in grosse difficoltà anche i cantanti, che ad un certo punto con molta eleganza hanno deciso di proseguire da soli senza seguire la bacchetta, con la conseguenza che si trovavano spesso fuori tempo. E’ già la seconda volta che vediamo questo direttore sul podio dell’Arena, e per la seconda volta non ci ha convinto la sua direzione, con gesti parziali e poco chiari, priva di quel ritmo drammatico e deciso che in Rigoletto sono fondamentali. Il tutto è risultato ovattato, flemmatico, quasi soporifero, ma l’ottima orchestra e il bravissimo Coro dell’Arena di Verona (diretto da Vito Lombardi) hanno saputo, con la loro pluriennale esperienza, gestire al meglio questi tempi così strani, e, pur se traspariva molto bene la difficoltà, si è percepita molto bene la loro bravura. Grandi applausi per loro, meritatissimi, e per tutti gli artisti.

La recensione si riferisce alla prima recita del 1 luglio 2017

GALLERIA ©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...