Simon Boccanegra al Teatro Carlo Felice di Genova

teatrocarlofelicelogoSimon Boccanegra

Musica di Giuseppe Verdi

carloFeliceLogo

Melodramma in un prologo e tre atti su libretto di Francesco Maria Piave con aggiunte e modifiche di Arrigo Boito dal dramma Simón Bocanegra di Antonio García Gutiérrez
Inaugurazione 22 ottobre, repliche 25, 27, 28 e 31 ottobre 2015
Direttore d’orchestra Stefano Ranzani
Regia e scene Andrea De Rosa
Costumi Alessandro Lai
Light e video designer Pasquale Mari
Orchestra Teatro Carlo Felice
Coro Teatro Carlo Felice
Maestro del Coro Pablo Assante
Una coproduzione Fondazione Teatro La Fenice – Fondazione Teatro Carlo Felice
CAST PER LA DATA:
22/10/2015 20:30 (Turno A)
25/10/2015 15:30 (Turno C)
27/10/2015 15:30 (Turno H)
28/10/2015 20:30 (Turno B)
31/10/2015 15:30 (Turno F)
PERSONAGGI INTERPRETI
Simon Boccanegra Franco Vassallo
Amelia Barbara Frittoli
Gabriele Adorno Gianluca Terranova
Fiesco Marco Spotti
Paolo Albiani Gianfranco Montresor
Pietro John Paul Huckle
Un capitano Giampiero De Paoli
Un’ancella di Amelia Kamelia Kader
Fantasma Maria Luisa Baldinetti – DEOS
Simon Boccanegra

Simon Boccanegra è la dimostrazione della caparbietà e insieme della modernità di Giuseppe Verdi. La prima versione dell’opera, accolta freddamente alla Fenice di Venezia, è del 1857, su un libretto di Francesco Maria Piave che non soddisfece Verdi («un tavolo zoppo», lo definì). La seconda debuttò con successo alla Scala nel 1881, su versi rifatti da capo da Arrigo Boito (il futuro autore dei migliori libretti verdiani, Otello e Falstaff): un traguardo raggiunto, dunque, dopo oltre vent’anni. Ma il parto faticoso del Simone non fu solo responsabilità del povero Piave. Con questa vicenda ambientata nella Genova repubblica marinara della metà del ’300, Verdi imboccava una strada nuova, che necessitò di tempo per giungere a maturazione. Le grandi melodie della “trilogia popolare” appena conclusa, nel Boccanegra non ci sono più e tutto, o quasi, punta sulle sottigliezze psicologiche del recitativo e sulla “tinta” orchestrale: un’intuizione modernissima, che anticipa il teatro musicale novecentesco. Nella vicenda ci sono tutti gli ingredienti del teatro popolare romantico (la fonte letteraria, difatti, è un dramma di García Gutiérrez, come per Il Trovatore): intrighi di potere, agnizioni, tentativi di avvelenamento, odi, maledizioni, riconciliazioni… Il tutto sullo sfondo della turbolenta Genova dei dogi. Ma la musica rinuncia ai colpi di scena e ai forti contrasti per andare alla ricerca di un’unità espressiva di cui Verdi sentiva sempre di più l’esigenza. Non è un caso se il Boccanegra verrà apprezzato a pieno solo a partire dal ’900: la sua concezione musicale e teatrale è già la nostra.
Il Carlo Felice è coproduttore, insieme alla Fondazione Teatro La Fenice, dell’allestimento presentato a inaugurazione della Stagione, a proposito del quale il regista Andrea De Rosa ha detto: «Sono rimasto fedele al testo cercando di esaltare quello che secondo me è l’elemento chiave: il mare. Per un uomo di mare come Simone è importante avere sempre un orizzonte visibile, ma il dolore e i palazzi del potere gli precludono la vista di questo orizzonte. Al mare ho attribuito un’importanza primaria rendendolo presente, in forme sempre diverse, per tutta la durata dello spettacolo.»
BozzettoSIMONBOCCANEGRA


Avevamo preannunciato la nascita di una collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice di Venezia per questo allestimento coprodotto con il Teatro Carlo Felice, con regia e scene di Andrea De Rosa, costumi di Alessandro Lai, luci e video di Pasquale Mari.

«Per il nuovo allestimento dell’opera di Verdi che il Teatro mi ha affidato – afferma De Rosa – sono rimasto fedele al testo cercando esaltare quello che secondo me può essere considerato l’elemento chiave: il mare. Per un uomo di mare come Simone è importante avere sempre un orizzonte visibile, ma il dolore e i palazzi del potere gli precludono la vista di questo orizzonte. Al mare ho attribuito un’importanza primaria rendendolo presente, in forme sempre diverse, per tutta la durata dello spettacolo».

L’opera, ambientata nella Genova trecentesca e che narra la storia di un corsaro genovese che riuscì a salire al trono dogale, è stata trasmessa in diretta Euroradio su Rai Radio3.

L’immagine è un bozzetto dell’opera di Andrea De Rosa

 

Questa voce è stata pubblicata in Opera e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.