“Andiamo all’Opera”, approccio guidato ad una nuova esperienza

9788867758203-andiamo-all-opera-la-toscaUn progetto ambizioso, nato con l’idea di preparare un pubblico moderno all’opera, “Andiamo all’Opera” offre l’opportunità ai neofiti dell’opera di ascoltare o addirittura presenziare ad un’opera senza sentirsi persi o in stato di confusione. Un’opportunità che apre le porte anche ai più giovani, finora quasi “dimenticati” e molto spesso impreparati ad una esperienza di questo tipo. Abbiamo colto l’occasione per chiedere all’autore Andrea Franco di spiegare ai nostri lettori le premesse di questo progetto.

L’autore spiega: “Il progetto nasce con un’idea semplice: avvicinare chi non conosce bene l’opera a questo meraviglioso genere teatrale e musicale. Purtroppo le nuove generazioni conoscono molto poco l’opera lirica, però credo che persistono tutti gli elementi per fare appassionare altre persone. L’opera è passione, amore, tragedia, sentimento, intensità musicale, tragedia, comicità… c’è tutto, si deve solo ricominciare a capirla, ad avvicinarcisi nel modo giusto.

c167f8_4439930b95b59f7891425576c78af2a6.jpg_srz_302_408_75_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz

L’autore Andrea Franco

Conosco molte persone che non vogliono un approccio guidato, vogliono provare a sentire (in cd, dvd, o anche a teatro) senza una preparazione. Senza sapere la trama, senza aver assimilato un po’ di linee musicali. Vero è che in passato ci si avvicinava all’opera a questo modo, ma ora non siamo più in quel passato lì, siamo in un momento storico diverso e l’opera va amata comprendendola. Personalmente ho seguito questo percorso con un buon numero di persone, spiegando prima l’opera, poi lo stile del compositore e cosa avrebbero trovato nella sua musica. Di solito parto da Puccini, il mio preferito, e quello forse più semplice da spiegare perché col suo modo moderno di interpretare il teatro lirico arriva dritto al cuore, ti ammalia e non ti fa fuggire più. E così, seguendo questo modo di fare che ha fatto avvicinare all’opera molti amici mi sono detto: e gli altri?

9788867758760-l-elisir-d-amoreE così nasce l’idea di “Andiamo all’opera” un modo non pedante di parlare delle opere più famose, con aneddoti, divertenti curiosità, spiegando la “poetica” dei compositori attraverso le arie, la loro vita, i retroscena più curiosi. E così il lettore scopre elementi interessanti nella vita di Puccini e si incuriosisce: quale donna rappresenta Tosca? E la piccola Liù? Lo stesso vale per Verdi e la sua “traviata” così legata alla vera vita del compositore. “Andiamo all’opera” è un viaggio dietro le quinte e non solo. È un modo per avvicinare nuovi ascoltatori, per farli prima incuriosire, poi emozionare. Speriamo di riuscire nell’intento!”

Ecco il piano completo della serie “Andiamo all’Opera”:

1- Tosca

2- La Traviata

3- L’Elisir d’Amore

4- Il Barbiere di Siviglia

5- Turandot

Ci auguriamo che questa serie di volumi, interessanti ed informativi oltre che innovativi, diventi sempre più vasta, includendo altre opere quali Rigoletto, Madama Butterfly ed altri indimenticabili capolavori, permettendo a chi si avvicina all’opera di apprezzare ancor più tali spettacoli.

Cover AO 2 BASSA

Questa voce è stata pubblicata in Libri. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Andiamo all’Opera”, approccio guidato ad una nuova esperienza

  1. Fortunato Alfredo Malerba ha detto:

    idea stupenda! Utile soprattutto per chi non ha avuto la fortuna di trovare la giusta porta che ti schiude un nuovo mondo: un’impresa altamente formativa oserei dire evangelica ed il cui scopo è aumentare la felicità della gente.In eroica controtendenza ai tristissimi canoni estetici dei nostri grandi politici : uno per tutti Gianni De Michelis e la Sua smisurata passione per le discoteche che lo indusse a scrivere e pubblicare:Guida a 250 discoteche italiane. La discoteca: bolgia infernale nella quale ti è impedito parlare,per i decibel, osservare, per le luci stroboscopiche; quasi impossibile in mezzo a tante coercizioni non trovare rifugio nell’alcol e nella droga; e per questo paghi ingresso,consumazione e quant’altro .Esci alle 4 del mattino completamente rincoglionito, ignori che, appena a due passi, la Natura ti stava regalando uno squarcio di firmamento e convinto di aver trascorso una stupenda serata, ti vai a schiantare con l’auto.Per ovviare a ciò un ministro aveva proposto la chiusura alle 2 di notte.Che rimedio…che rigore..!
    Calando un velo pietosissimo sull’indigestione delle partite di calcio che subiamo giornalmente e lo spropositato guadagno dei calciatori, che dimezzandolo- e sarebbe pur sempre eccessivo- potrebbero allestirsi più e più stagioni teatrali, senza costringere i sovrintendenti al salto mortale triplo per tirare avanti. Ben venga dunque questa Vostra iniziativa filantropica alla quale auguro di tutto cuore un grandissimo successo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.